Archivio mensile:giugno 2011

Roberto Re il 4 luglio 2011 a Bari

 

Roberto Re a Bari per vincere nel cambiamento

Il famoso formatore incontra direttamente il pubblico per spiegare come prepararsi al cambiamento e trasformare le difficoltà in opportunità di crescita

La maggior parte della gente costruisce la propria sicurezza sull’abitudine, i piani prestabiliti, la ripetitività dei gesti. Si ha paura che il cambiamento possa destabilizzare il proprio equilibrio e non si comprende come le abitudini ripetute spengano col tempo ogni entusiasmo e mortifichino la creatività.
Non dimentichiamo comunque che anche quando il cambiamento dovesse rivelarsi non positivo come era stato prospettato in precedenza, sarà stata comunque un’opportunità di crescita, una verifica delle nostre capacità, una grande spinta che, se non altro, avrà riattivato i sensi e risvegliato la mente dall’immaginazione.
Si mutua sicurezza dalla coazione a ripetere, nella certezza che quando un giorno è uguale al precedente sia facile sentirsi sicuri e protetti.
Affrontare il cambiamento o un momento particolarmente complesso della nostra esistenza è una sfida avvincente, ma bisogna essere consapevoli che il cambiamento che indistintamente coinvolge tutti, genera indubbiamente delle difficoltà.
Ricordiamo però che spesso è proprio la tendenza ad evitare le sfide e ad allontanare ogni alterazione dei nostri equilibri la principale causa della nostra infelicità, In fase di trasformazione, superare le criticità e gli ostacoli conseguenti serve a progredire, migliorare, evolvere: cambiare significa mettersi in gioco, imparare a gestire le proprie insicurezze, incamminarsi verso l’ignoto. Ma come possiamo contrastare la paura del mutamento ed evitare di restare rigidamente ancorati al nostro passato anche se questo non ci appartiene più?
A questo proposito HRD Training Group organizza un one night seminar a Bari previsto per luned’ 4 luglio 2011, dove Roberto Re, mental coach, con esperienza ventennale nello sviluppo del benessere interiore, spiegherà come sia possibile imparare a gestirsi al meglio in fase di cambiamento e riuscire ad affrontare gli imprevisti in modo più produttivo.
Durante il corso si apprenderanno le tecniche per vincere le paure limitanti al raggiungimento dei risultati. Ma anche per essere consapevoli che l’ansia che si prova è spesso una tensione positiva che, se lo vorremo, potrà tradursi in energia e vitalità intellettuale. Sarà più facile eliminare le credenze acquisite che depotenziano e superare la resistenza al cambiamento. Tali indicazioni porteranno a fissare obiettivi raggiungibili e ambiziosi e gestire meglio i diversi stati d’animo. L’incontro è dalle 20 alle 24 con registrazione alle 19. Compreso nel costo di partecipazione di € 30, c’è per ognuno, un libro di Roberto Re tra “Smettila di incasinarti” o di “Leader di te stesso” e una sessione di personal coaching con un coach HRD Training Group.

Come vincere la sfida del cambiamento e raggiungere i propri obiettivi!

Affrontare il cambiamento o un momento difficile è la sfida principale che tutti quanti viviamo al giorno d’oggi nel mondo che ci circonda: nel lavoro, nelle relazioni, nei rapporti familiari…

Il cambiamento coinvolge tutti e genera indubbiamente delle difficoltà, perché cambiare obbliga a mettersi in gioco, a affrontare le proprie insicurezze e l’ignoto, generando paure che spesso diventano il freno principale al mutamento che vorremmo, potremmo e, in alcuni casi, dovremmo effettuare. E’ fondamentale per tutti imparare a gestirsi meglio in una fase di cambiamento e riuscire ad affrontare qualsiasi novità in maniera più facile, più semplice e più produttiva, facendo sì che porti a un progresso: cambiare non è solo sostituire una cosa con un’altra, ma progredire, migliorare, evolvere.

Durante il corso imparerai:
– Vincere le paure che ti limitano verso il raggiungimento dei tuoi risultati.
– Eliminare le credenze depotenzianti.
– Superare la resistenza al cambiamento.
– Fissare degli obiettivi raggiungibili e ambiziosi.
– Gestire i tuoi stati d’animo.
– Avere un linguaggio interno potenziante.
– Rafforzare motivazione e fiducia in sè.
– Non perdere l’occasione di frequentare questo speciale workshop con Roberto Re!

Lunedì 4 luglio 2011
BARI

Il workshop avrà inizio alle ore 20.00 e si concluderà alle 24.00 (registrazione alle 19.00)

Il costo di ingresso di € 30 a persona è comprensivo di una copia del libro “Smettila di incasinarti” o di “Leader di te stesso” in versione Oscar Mondadori. Ogni partecipante avrà inoltre diritto a una sessione di personal coaching con un coach HRD.

È necessaria la prenotazione. Per informazioni e/o prenotazioni:
Rachele Di Bona  –  r.dibona@hrdonline.it  –  tel. 333 65 78 369

La Meraviglia…

Ho trascorso gli ultimi giorni in compagnia della mia meravigliosa nipotina che non vedevo da un po e la meraviglia della sua meraviglia per ogni cosa mi ha letteralmente abbagliata. Inutile dire che è la bambina più bella che io abbia mai visto (cuore di zia) anche perché somiglia tutta alla zia 😉 e di un’ intelligenza fuori dalla norma…

Ciò che più mi ha abbagliato è stato il suo modo di stupirsi per tutto. Chi ha un bimbo a casa è davvero fortunato perché può imparare tanto oltre che ricordare.

La riflessione che ha mosso in me e che ho pensato bene di condividere è proprio il fatto che tutti siamo nati dall’incontro dei nostri genitori, tutti siamo stati nella pancia di nostra madre, tutti siamo stati piccoli e tutti abbiamo trascorso i primi anni della nostra vita nella più totale meraviglia… Bellissimo!!!

Cosa succede dopo? Perché iniziamo a dare per scontato le cose? Perché ci meravigliamo poco o niente dello spettacolo della vita e dello straordinario regalo che ci è stato donato?

Beh, l’uomo è l’insieme delle sue abitudini e quando una cosa diventa abitudine oramai non ci si sofferma più.

Allora dove sta il segreto?

Il segreto sta proprio nel far si che la meraviglia della nostra vita non diventi un’abitudine, dovremmo prenderci il serio impegno di meravigliarci ogni giorno, di provare ancora stupore nel pensare al miracolo della vita, provare gratitudine per l’amore incondizionato dei nostri genitori, provare amore per quel bambino che si meravigliava per ogni cosa e che è ancora vivo dentro di noi, è solo che ce ne siamo dimenticati.

Allora iniziamo fin da subito facendolo rivivere tramite la meraviglia di scoprirci davanti allo specchio e di ringraziare per poter sorridere, per poter pensare, per poter gioire semplicemente del fatto di essere nati.

Se poi vogliamo proprio ricominciare in pompa magna allora possiamo prendere uno dei doni che ci è stato dato alla nascita (un nostro talento) e farlo rivivere tramite azioni concrete. Il bambino che c’è dentro ognuno di noi ce ne sarà eternamente grato….

E allora? Qual’è il tuo dono????

Buona vita!

Questa settimana vi racconto una storia… La Felicità

Questa settimana vi racconto una storia…

La Felicità 

Ciao, il mio nome è Felicità.

Faccio parte della vita, di quelli che credono nella forza dell’amore, che credono che ad una bella storia non possa esserci mai fine.

Sono sposata, lo sapevate?

Sono sposata con il Tempo.

Lui è il responsabile della risoluzione di tutti i problemi.

Lui costruisce cuori, lui medica quelli feriti, lui vince la tristezza….

Io e il Tempo, assieme, abbiamo avuto 3 figli: Amicizia, Saggezza, Amore… Amicizia è la figlia più grande, una ragazza bellissima, sincera e allegra.Lei unisce le persone, non ha l’’intento di ferire, ma di consolare. Poi c’è Saggezza, colta, con principi morali… lei è quella più attaccata a suo padre, Tempo.  È come se Saggezza e Tempo camminassero insieme!

L’ultimo è Amore! Ah, quanto mi fa lavorare lui! È ostinato, a volte vuole abitare solo in un certo posto..

E a volte dice che è stato concepito per abitare in 2 cuori e non in uno soltanto. Eh si, mio figlio Amore è molto complesso.

Quando comincia a far danni, devo chiamare subito suo padre, Tempo, affinchè chiuda le ferite procurate dal figlio!

Una persona un giorno mi ha detto: “… alla fine tutto si sistema sempre…in un modo o nell’altro… se le cose ancora non si sono sistemate è perchè non siamo ancora giunti alla fine” Per questo ti dico di avere fiducia nella mia famiglia.

Credi in mio marito Tempo, nei miei figli Amicizia, Saggezza e soprattutto credi in mio figlio Amore.

Se avrai fiducia in loro, stai certo che allora io, Felicità, un giorno batterò alla tua porta!!!

E non dimenticare mai di sorridere…

Buona vita!!!!!

Relazioni di Successo

Workshop di Rachele Di Bona, una serata ricca di suggerimenti, spunti e analisi del modo di relazionarci con successo con gli altri.

Ma quanto ti ami ???

Quante volte nella nostra vita ci siamo imbattuti in quesiti del tipo:

”Mi ami?” “Ma quanto mi vuoi bene?”

“Quanto sono importante per te?”

“Cosa sei disposto a fare per me?”

E le risposte solitamente sono “ti amo tantissimo, sono disposto a fare tutto, per me sei la persona più importante del mondo” ecc. ecc. ecc.

Nulla da dire a tal proposito se non una leggera osservazione che vi faccio tramite alcune domande:

” Ti ami? Ma quanto ti vuoi bene? Quanto sei importante per te? Cosa sei disposto a fare per Te?”.

Sembra una banalità ma pochissime volte ci soffermiamo a pensare a noi. È più facile rispondere a terzi e rassicurarli su ciò che proviamo per loro che fare la stessa cosa per noi. È anche vero che d’istinto a queste domande le risposte sembrano scontate: ” certo che mi amo, per me sono disposto a fare tutto, sono la persona più importante del mondo” peccato però che i fatti parlano del contrario. Se ci volessimo bene veramente ci prenderemmo cura del nostro corpo, della nostra mente e del nostro spirito. Tireremmo fuori tutto il nostro potenziale invece di accontentarci, ci corteggeremmo come facciamo con i nostri innamorati, insomma ci prenderemmo realmente cura di noi.

Sei innamorato di te stesso?

Quando ti guardi allo specchio senti le farfalle nello stomaco?

Se la risposta è no allora ti conviene iniziare subito una intensa e duratura relazione con te stesso anche perché vuoi o non vuoi dovrai stare con te per tutti i giorni della tua vita. Ci staresti con una persona che conosci poco o che non ami abbastanza?

Allora armati di santa pazienza e inizia questo meraviglioso viaggio in compagnia di te stesso. Sarà il viaggio più entusiasmante che tu abbia mai fatto e soprattutto la relazione più duratura della tua vita.

Ps: Non illuderti di creare relazioni trasparenti e durature con nessuno se non parti da te!

Buona vita!

E se i sogni diventassero realtà ???

 

 

Tante volte  la gente pensa che i sogni si chiamino così proprio perché tali debbano rimanere, ma così non è….

Capita che la nostra mente viaggi a velocità diverse rispetto a quella che è la nostra realtà quotidiana e ad occhi aperti ci porta ad essere in luoghi e contesti completamente diversi da quelli che siamo abituati a frequentare solitamente. Perché succede questo?

Perché siamo fatti per sognare e realizzare. Tutto ciò che la nostra mente può immaginare è in grado di realizzare, spesso però ci facciamo frenare da quelle che sono le nostre paure.

Se si parla di sogni allora riusciamo ad immaginarci senza limiti, se si torna alla realtà i limiti diventano tantissimi e questo accade proprio perché la nostra mente può essere la nostra migliore amica o la nostra peggiore nemica, dipende da come la utilizziamo.

C’è una bellissima frase che recita: ”una cosa vividamente immaginata risponde a qualcosa di realmente vissuto” e cioè, ogni volta che riusciamo ad immaginare nel dettaglio qualcosa, quella stessa cosa può essere riportata nella realtà.

L’unico limite a questo siamo noi….

E ci limitiamo proprio perché è più facile raccontarsi che sono solo sogni piuttosto che rimboccarsi le maniche e darsi da fare per realizzarli.

Quando durante  le serate di formazione parlo di pianificazione, racconto il mio sogno di fare quello che faccio.

Avevo un sogno e l’ho pianificato e realizzato proprio come fanno tutti coloro che trasformano i sogni in realtà.

Non è questione di fortuna o di tempra, è solo questione di atteggiamento ed azioni.

Se hai le idee chiare su quelli che sono i tuoi sogni allora si può passare alla realizzazione a patto che tu voglia realmente realizzarli.

Siamo noi che scriviamo il copione della nostra vita, per cui decidiamo se lasciare la nostra vita nella mani di uno scrittore qualsiasi oppure nelle nostre sapienti mani le quali sanno come nessun altro qual è la trama della vita che vogliamo vivere.

E tu… vuoi essere una seplice comparsa, uno spettatore o l’autore e attore principale della tua vita????

Buona vita!

Regalati il tempo che meriti !!!

 

Regalati il tempo che meriti!!!

 

Questa settimana, visto che terrò una serata sulla gestione del tempo che non tratterò semplicemente dal punto di vista organizzativo ma dal punto di vista dell’atteggiamento che abbiamo nei confronti del tempo, ho pensato di regalarvi una poesia indiana a me tanto cara con la certezza che gran parte di voi coglierà il vero senso del tempo…

 

 

Non ti auguro un dono qualsiasi,

Ti auguro soltanto quello che i più non hanno.

Ti auguro tempo, per divertirti e per ridere;

se lo impiegherai bene, potrai ricavarne qualcosa.

Ti auguro tempo, per il tuo Fare e il tuo Pensare,

non solo per te stesso, ma anche per donarlo agli altri.

Ti auguro tempo, non per affrettarti e correre,

ma tempo per essere contento.

Ti auguro tempo, non soltanto per trascorrerlo,

ti auguro tempo perchè te ne resti:

tempo per stupirti e tempo per fidarti

e non soltanto per guardarlo sull’orologio.

Ti auguro tempo per toccare le stelle

e tempo per crescere, per maturare.

Ti auguro tempo, per sperare nuovamente e per amare.

Non ha più senso rimandare.

Ti auguro tempo per trovare te stesso,

per vivere ogni tuo giorno, ogni tua ora come un dono.

Ti auguro tempo anche per perdonare.

Ti auguro di avere tempo,

tempo per la vita.

Regalati il tempo che meriti!!!

 

Buona Vita!


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: